memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Luoghi

Home Page   >    Luoghi    >    Bardia (LIBIA)
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Bardia (LIBIA)

Località della Libia orientale, Bardia o Bardiyah è situata a pochi chilometri dal confine con l'Egitto. Insieme a Tobruch e a Sollum è uno dei centri principali della Marmarica, la regione costiera dell'Africa nordorientale al confine tra Libia ed Egitto. All'inizio della Seconda Guerra Mondiale, Bardia era tenuta dal 23° Corpo d'Armata italiano, comandato dal generale Annibale Bergonzoli, ed era fortificata con piccole opere, armate ognuna con una o due mitragliatrici e cinte da reticolati. Mancavano però gli ostacoli anticarro e l'organizzazione difensiva non era profonda. Con l'evolversi del conflitto la località divenne teatro di aspri combattimenti tra l'esercito italiano e quello inglese. Durante l'Operazione Compass (8 dicembre 1940-9 febbraio 1941 - offensiva britannica in Africa settentrionale contro le forze italiane che erano penetrate in Egitto), la 6^ Divisione australiana del generale Iven Mackay, assistita da supporto aeronavale e sotto la copertura del fuoco di artiglieria, assaltò la fortezza italiana di Bardia. Nonostante una notevole difesa da parte dell'Esercito Italiano, la località fu conquistata dalle truppe alleate il 5 gennaio 1941 dopo una battaglia di tre giorni (3-5 gennaio 1941 - Battaglia di Bardia). In tutto furono fatti prigionieri circa 36.000 soldati italiani. La vittoria a Bardia permise alle forze alleate di continuare l'avanzata in Libia e infine di occupare quasi tutta la Cirenaica, ma, dall'altro lato, tutto ciò portò all'intervento tedesco in Nordafrica, cambiando la natura del conflitto in quel teatro di battaglia. L'11 aprile successivo, infatti, le truppe italo-tedesche rioccupavano Bardia, che fu nuovamente presa dagli inglesi nel dicembre 1941 nell'ambito dell'Operazione Crusader (18 novembre-30 dicembre 1941 - operazione militare alleata tesa alla liberazione delle forze intrappolate a Tobruch). Successivamente Bardia seguì le sorti della Cirenaica nelle alterne vicende della guerra in Africa settentrionale: tornò nuovamente in mano delle forze italo-tedesche nell'estate del 1942, per poi essere di nuovo conquistata, questa volta definitivamente, dagli inglesi nell'autunno 1942 dopo la battaglia di El Alamein.

Bibliografia e approfondimenti:

  • Giorgio Bocca, Storia dell'Italia nella guerra fascista. 1940-1943, Mondadori, Milano 1996.

Fonti
Le fonti correlate a:
Bardia (LIBIA)

Fonti
Soci

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

Memorie in cammino
Right Menu Icon