memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Persone

Home Page   >    Persone    >    Don Giacomo Vender
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Don Giacomo Vender
Nato a Lovere (BG)

il   09/04/1909

Morto a Ceratello di Costa Volpino (BG)

il   28/06/1974

Don Giacomo Vender nasce il 9 aprile 1909 a Lovere, in provincia di Bergamo.
Sacerdote nella parrocchia di San Faustino a Brescia e poi parroco di Santo Spirito, nel maggio del 1940 decide di arruolarsi come cappellano militare e viene aggregato al 73° Reggimento Fanteria.
Presta servizio a Trieste, in Jugoslavia, in Piemonte e in Francia fino all’8 settembre 1943 quando, rientrato a Brescia, inizia da subito ad aiutare militari sbandati, ebrei e perseguitati politici.
Da sempre di sentimenti antifascisti, don Giacomo offre anche assistenza religiosa ai primi gruppi di partigiani che si stanno organizzando nella provincia, entra in contatto con il CLN, coordina alcune bande, assicura i rifornimenti di vettovaglie e di denaro.
Al suo nome sono legate soprattutto le “Massimille”, un’organizzazione clandestina di donne, giovani di Azione Cattolica che realizzano una fitta rete di assistenza verso i partigiani in carcere, portando, insieme a viveri e vestiario, anche messaggi di collegamento con i partigiani operanti in montagna.
Tutta questa attività non passa di certo inosservata. Don Giacomo, infatti, viene arrestato due volte.
La prima è il 6 gennaio 1944 ad opera delle SS tedesche per sospetto collaborazionismo con i ribelli: passa dall’Arsenale al carcere di Canton Mombello, a quello di Verona e dopo un mese viene rilasciato.
Un nuovo arresto avviene il 18 ottobre 1944 e un mese dopo, per iniziativa dell’Ufficio della Guardia Nazionale Repubblicana, il sacerdote viene deferito al Tribunale Speciale con l’imputazione di “associazione antinazionale e disfattismo politico”. Dal carcere riesce ad inviare all’esterno numerosi messaggi suoi e degli altri prigionieri e ad assistere i detenuti portando loro ogni genere di aiuto. L’11 aprile 1945 viene tradotto nel carcere di Bergamo e condannato dai giudici a 24 anni di reclusione, di cui 4 condonati per il suo passato di cappellano militare. E’ il 21 aprile 1945 e cinque giorni dopo il sacerdote torna in libertà.
Don Giacomo Vender muore nel 1974 e dopo la sua scomparsa la città di Brescia gli ha intitolato una strada.
Su di lui sono state fatte anche diverse pubblicazioni, tra le quali si ricordano il testo del 1975 curato da Dario Morelli che raccoglie le lettere che il prete aveva scritto dal carcere; il libro del 1981, sempre di Dario Morelli, dal titolo La Resistenza in carcere. Giacomo Vender e gli altri; e il più recente volume del 2005 di Miriam Pescini, Don Giacomo Vender, prete della Resistenza.

Bibliografia e approfondimenti:

  • Università Cattolica del Sacro Cuore-Sede di Brescia, Archivio Storico della Resistenza Bresciane e dell’Età Contemporanea, Don Giacomo Vender: fonti per una biografia, Annali-anno V, 2009;
  • Dati biografici e indicazioni bibliografiche sulla vita di don Giacomo Vender sono disponibili anche sul sito dell’ANPI – Associazione Nazionale Partigiani d’Italia.

Fonti
Le fonti correlate a:
Don Giacomo Vender

Fonti
Extra

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

Memorie in cammino
Right Menu Icon