memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Persone

Home Page   >    Persone    >    Sergio Diena
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Sergio Diena
Nato a Torino (TO)

il   10/10/1919

Morto a Luserna San Giovanni (TO)

il   04/12/1943

Sergio Diena, cugino dei fratelli Giorgio e Paolo Diena, nasce a Torino il 10 ottobre 1919. Si laurea a pieni voti in Scienze Agrarie nel giugno del 1941.

Dopo la laurea svolge ricerche sulla formica argentina, sul sidro e altri temi, approfondendo nel contempo anche studi di carattere umanistico.

Antifascista fin dall’adolescenza, dopo l’8 settembre 1943 sceglie di non seguire i genitori, Anselmo Diena e Lina Terracini, in Svizzera e prende parte alla lotta partigiana.

Partigiano combattente nella 5^ Divisione Alpina GL “Sergio Toja”, il 2 dicembre 1943 viene ferito gravemente durante l’attacco ad un presidio tedesco in Val Pellice. Muore due giorni dopo presso l’ospedale mauriziano di Luserna San Giovanni a causa delle ferite riportate.

Nell’aprile del 1947 la presidenza del Consiglio dei Ministri gli conferisce la Medaglia d’Argento alla memoria al Valor Militare con la seguente motivazione: “Partigiano entusiasta e valoroso combattente, durante l’attacco a un forte presidio tedesco, con decisa, tempestiva ed audace azione di fuoco e lancio di ordigni anticarro ritardava l’intervento di rinforzi corazzati nemici immobilizzando tra l’altro 2 carri armati, permettendo, al proprio reparto, di occupare favorevoli e salde posizioni. Ferito gravemente, e trasportato dopo numerose peripezie in un ospedale, faceva olocausto della sua giovane vita con la serena coscienza del sacrificio compiuto e senza svelare il proprio nome e la qualità di partigiano onde evitare azioni di rappresaglia sull’inerme popolazione. Tejnaud – Willar Pellice – 2 dicembre 1943”.

Bibliografia e approfondimenti:


Fonti
Le fonti correlate a:
Sergio Diena

Fonti
Extra

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

Memorie in cammino
Right Menu Icon