memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Persone

Home Page   >    Persone    >    Romolo Ragnoli
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Romolo Ragnoli
Nato a Brescia (BS)

il   12/03/1913

Morto a Brescia (BS)

il   20/10/2004

Romolo Ragnoli nasce a Brescia il 12 marzo 1913.
Laureatosi in Lettere presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, partecipa come ufficiale di complemento alla Campagna di Albania e poi di Russia con il 6° Reggimento Alpini, guadagnandosi la Medaglia d’Argento al Valor Militare.
Dopo la Russia viene promosso capitano e passa al servizio permanente effettivo per meriti di guerra.
A seguito dell’Armistizio dell’8 settembre 1943, entra a far parte del Comitato di Liberazione Nazionale (CLN) bresciano e viene inviato in Valle Camonica per organizzare il movimento partigiano della zona. Partecipa, infatti, alle prime riunioni tenutesi nei mesi di settembre e ottobre 1943 a Corteno, Cividate e Darfo, e in novembre viene nominato comandante militare delle Fiamme Verdi.
Insieme a Teresio Olivelli, Luigi Ercoli e don Carlo Comensoli – la cui casa canonica di Cividate era diventata il comando centrale dei partigiani -, Romolo Ragnoli è tra i fondatori della Divisione “Tito Speri”, nella quale sono inquadrate le brigate delle Fiamme Verdi della Valle Camonica e della Valle Sabbia a partire dall’estate 1944.
Conosciuto con i nomi di battaglia di “Signorini”, “Felice”, “Libero Fiorentini” e soprattutto “Comandante Vittorio”, Romolo Ragnoli diventa un punto di riferimento in tutte le azioni militari: non vi è iniziativa che non abbia il suo consenso o a cui non vi partecipi di persona.
Alla fine del conflitto viene promosso Maggiore per meriti di guerra e prosegue la carriera militare congedandosi nel 1971 con il grado di Generale di Corpo d’Armata.
Ha collaborato con l’Istituto Storico della Resistenza bresciana e nella sua vita si è impegnato nel difficile compito di tener viva la memoria del sacrificio di tanti caduti per la libertà.
Romolo Ragnolo è morto a Brescia il 20 ottobre 2004.

Bibliografia e approfondimenti:

  • Rolando Anni, Dizionario della Resistenza bresciana, 2 voll., Editrice Morcelliana, Brescia 2008;
  • Francesco Magoni, Romolo Ragnoli. Generale di Corpo d’Armata. Un uomo, un alpino, una Fiamma Verde. Appunti di una vita, Walmar;
  • Dario Morelli, La montagna non dorme. Le Fiamme Verdi nell’Alta Valcamonica, 1968;
  • per ulteriori approfondimenti è possibile visitare i siti web dell’ANPI della Valle Camonica e delle Fiamme Verdi della Valle Camonica.

Fonti
Le fonti correlate a:
Romolo Ragnoli

Fonti
Extra

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

Memorie in cammino
Right Menu Icon