memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Persone

Home Page   >    Persone    >    Alpidio Pergetti
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Alpidio Pergetti
Nato a Cadelbosco Sopra (RE)

il   25/03/1879

Morto a Cadelbosco Sopra (RE)

il   31/01/1947
Alpidio Pergetti

Alpidio Pergetti nasce a Cadelbosco Sopra, in provincia di Reggio Emilia, il 25 marzo del 1879 da Giovanni e Giuditta Cadoppi. La sua non è una famiglia di mezzadri, ma “casant”, ovvero inquilini senza terra e animali, lavoratori impiegati come braccianti presso i mezzadri della zona, o occupati nell’industria o nei servizi.

Alpidio è un socialista prampoliniano della prima ora e tra la fine degli anni ’20 e la prima metà degli anni ’30 va a lavorare per due volte in Argentina. Emigra per sfuggire alle imposizioni del regime fascista, come quella di dover prendere la tessera del partito, ma soprattutto per mantenere la sua numerosa famiglia: Alpidio infatti è sposato con Cesira Marmiroli dalla quale ha avuto i figli Guido, Eviva, Avantino, Stella, Sereno, Eolo e Serena.

Parte per oltreoceano per progettare e costruire una farmacia a Santiago del Esteva, grazie all’aiuto del cognato Egidio Catellani, marito della sorella Annunziata e grosso imprenditore edile reggiano.

Rientrato definitivamente dall’Argentina, Alpidio progetta e costruisce la casa per la sua famiglia su un terreno che gli viene venduto dall’Impresa Edile Catellani.

Nel corso della Seconda Guerra Mondiale, e soprattutto negli anni della lotta di Liberazione, tutta la sua famiglia prenderà parte al movimento partigiano: i figli Avantino, Sereno, Eolo e Serena saranno anche catturati dalla Guardia Nazionale Repubblicana e finiranno nel carcere dei Servi a Reggio Emilia. Avantino sarà deportato in Austria per poi morire nel campo di concentramento di Mauthausen.

Alpidio Pergetti muore il 31 gennaio del 1947: il suo funerale fu il primo del dopoguerra con rito civile a Villa Argine di Cadelbosco Sopra.

Bibliografia e approfondimenti:

  • Pierluigi Tedeschi, L’arviséria. Atlante delle lettere dal carcere di Serena Pergetti, Edizioni ABao AQu, Bosco Mesola (FE) 2015.

Fonti
Extra

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

Memorie in cammino
Right Menu Icon