memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Persone

Home Page   >    Persone    >    Luigi Marsano
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Luigi Marsano
Nato a Genova (GE)

il   16/03/1916

Morto a Genova (GE)

il   14/01/1944

Luigi Marsano nasce a Genova il 16 marzo 1916. Di professione operaio, possiede la qualifica di saldatore elettrico e lavora presso la Società “Thermos” di Genova.

Fin dal 1941 appartiene alla cellula comunista del quartiere del Molo e, dopo l’Armistizio, entra a far parte del CLN aziendale del Porto, occupandosi principalmente del recupero di armi, del collegamento tra le varie formazioni e della diffusione della stampa clandestina.

Il 4 gennaio 1944 si trova in un’abitazione di Piazza del Carmine per prelevare alcuni medicinali destinati ai partigiani savonesi quando viene sorpreso ed arrestato dai nazifascisti. Trattenuto alla Casa dello Studente per 8 giorni, subisce ripetuti interrogatori e torture, fino al trasferimento nel 4° braccio del carcere di Marassi.

A seguito di un’azione gappista a danno dei tedeschi, avvenuta in Via XX Settembre nel tardo pomeriggio del 13 gennaio, Luigi Marsano e altri 9 detenuti vengono prelevati e processati al Tribunale Militare Speciale. Due di questi, Guido Carpi e Guido Pinna, entrambi combattenti mutilati durante la Prima Guerra Mondiale, sono condannati a 20 anni di reclusione. Per Marsano e gli altri sette – Dino Bellucci, Giovanni Bertora, Giovanni Giacalone, Romeo Guglielmetti, Amedeo Lattanzi, Guido Mirolli e Giovanni Veronelli – viene invece decretata la pena di morte.

Tradotti dalle SS e dalla Milizia fascista a Forte San Martino per essere immediatamente giustiziati, la loro esecuzione viene in un primo momento sospesa a causa del fermo rifiuto di eseguire la sentenza opposto dai carabinieri del plotone e da loro comandante, il tenente di complemento Giuseppe Avezzano Comes.

Alle 5 del mattino del 14 gennaio 1944, dopo che Comes e i suoi uomini sono stati messi agli arresti, gli 8 condannati vengono fucilati dagli stessi militi delle SS e della Milizia fascista.

Bibliografia e approfondimenti:

  • scheda biografica sul sito dell’INSMLI (Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia) – Ultime lettere di condannati a morte e di deportati della Resistenza Italiana;
  • Giorgio Gimelli, La Resistenza in Liguria. Cronache militari e documenti, 2 voll., a cura di Franco Gimelli, Carocci, Roma 2005.

Fonti
Le fonti correlate a:
Luigi Marsano

Fonti
Extra

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

Memorie in cammino
Right Menu Icon