memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Persone

Home Page   >    Persone    >    Livio Piccinini
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Livio Piccinini
Nato a Cavriago (RE)

il   13/03/1924

Livio Piccinini nasce a Cavriago, in provincia di Reggio Emilia, il 13 marzo del 1924, da Severino e Giacomina Belloni.
Penultimo di otto figli, inizia a lavorare a 12 anni nella Ditta Melloni di Cavriago.
Nel 1937 viene assunto a Reggio Emilia presso le Officine Meccaniche Reggiane, dove è impiegato nella sezione Motori Avio per la costruzione degli aerei da caccia della serie “Reggiane RE 2000”.
Il 28 luglio 1943 è presente alla manifestazione per la pace indetta dagli operai, che finirà con l’uccisione di nove civili, tra cui una donna incinta.
Come quasi tutti i suoi fratelli, entra nella Resistenza reggiana e partecipa alla lotta partigiana dal 6 luglio 1944 fino alla Liberazione (25 aprile 1945). Il suo nome di battaglia è “Delinger”.
Insieme al fratello Giuseppe “Onin” (cl. 1919), comandante di battaglione, Livio milita nelle fila della 26^ Brigata Garibaldi “Enzo Bagnoli” e ricopre il ruolo di comandante di distaccamento. Il suo territorio di operazione è l’Appennino reggiano.
I fratelli Luigi “Bebe” (cl. 1912), Paolo “Birra” (cl. 1922) e Mario “Pileta” (cl. 1930) combatteranno, invece, nella 76^ S.A.P. “Angelo Zanti”, operante nella pianura reggiana.
Livio prende parte a numerose azioni, tra le quali l’Operazione Tombola, organizzata per il 27 marzo 1945 insieme agli Alleati e volta al disarmo e alla cattura del Comando tedesco sito nel Comune di Albinea (RE), a Villa Rossi e Villa Calvi.
Per il suo contributo durante questa battaglia e durante tutta la lotta partigiana, Livio Piccinini è stato insignito del Certificato al Patriota (anche detto Brevetto Alexander) e della Medaglia di Bronzo al Valor Militare.

Bibliografia e approfondimenti:
– I dati biografici di Livio Piccinini sono tratti dal progetto Partigiani, curato dal prof. Luciano Casali del Dipartimento Discipline Storiche, Antropologiche e Geografiche dell’Università di Bologna.


Fonti
Extra

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

Memorie in cammino
Right Menu Icon