memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Persone

Home Page   >    Persone    >    Livio Cicalè
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Livio Cicalè
Nato a Macerata (MC)

il   01/01/1925

Morto a Macerata (MC)

il   17/04/1944

La storia di Livio Cicalè si intreccia con quella di un altro martire della Resistenza, Giuseppe Biagiotti.

I due ragazzi si conoscevano dall’infanzia: entrambi nati in famiglie disagiate, avevano coltivato il loro rapporto all’interno dell’orfanotrofio maschile di Macerata, retto da Don Primo Fratini.

Nel settembre del 1943, Livio era un allievo finanziere della Guardia di Finanza mentre Giuseppe doveva presentarsi per il servizio militare. Entrambi decisero di non rispondere alla chiamata alle armi della neonata Repubblica di Salò e confluirono dapprima nel gruppo partigiano della zona di Montenero di Cingoli, poi nel gruppo “201 Volante” del Tenente Emanuele Lena, detto “Acciaio”.

La strategia di lotta partigiana del gruppo consisteva in colpi di mano, basati sul fattore sorpresa, con azioni mirate e fulminee.

Il 15 aprile del 1944, i due giovani, Livio e Giuseppe, parteciparono ad un’azione che aveva l’obiettivo di catturare un noto gerarca fascista maceratese, tendendogli un’imboscata sulla strada di ritorno a Macerata. L’attacco era stato studiato nei minimi particolari, ma qualcosa andò storto. Alcuni fascisti riuscirono a sfuggire ad un posto di blocco e diedero l’allarme. Ben presto, i partigiani furono attaccati da un folto numero di fascisti, con una potenza di fuoco schiacciante.

Nell’intensa sparatoria che ne seguì, Giuseppe fu raggiunto da una raffica di mitragliatrice alla gamba, che lo fece cadere a terra. Il suo amico, Livio, resosi conto dell’accaduto, anziché ripiegare, accorse in suo aiuto, mentre era esanime a terra in una pozza di sangue. Si rifiutò di lasciarlo lì, se lo caricò sulle spalle per riprendere il cammino e cercar riparo al di là del fiume Chienti, ma i due non riuscirono mai a guadarlo, furono catturati e condotti alla caserma Corridoni di Macerata.

Dalla sera del 15 aprile al successivo 17 aprile, per i due giovani partigiani furono ore di sevizie e di martirio, ma nulla rivelarono dei loro compagni. La mattina di lunedì 17, persistendo nel loro ostinato mutismo, i due vennero tradotti al campo di concentramento di Sforzacosta, dove vennero fucilati. Livio aveva chiesto di morire abbracciato all’amico, ma la richiesta non fu accettata. Il comandante del plotone d’esecuzione ordinò ai due di scavarsi da soli la fossa. Avevano da poco compiuto 19 anni.

Con Decreto Presidenziale del 28 luglio 1950, l’allievo finanziere Livio Cicalè è stato insignito della Medaglia d’Argento al Valor Militare alla memoria, con la seguente motivazione: “Dopo l’armistizio si arruolava tra i primi nelle formazioni partigiane molto distinguendosi per coraggio comportamento. Nel corso di una ardita azione, già disimpegnatosi con i suoi, tornava indietro per raccogliere un ferito. Caricatosi il compagno sulle spalle, ma inseguito e raggiunto, impegnava combattimento fino all’ultima cartuccia. Catturato, percosso, lungamente e barbaramente seviziato, mantenne fiero ed esemplare contegno. Non rinnegando la sua fede e nulla rivelando. Fucilato, cadeva nel nome d’Italia. Tolentino-Sforzacosta-Macerata- 17-4-1944.”

Bibliografia e approfondimenti:


Fonti
Le fonti correlate a:
Livio Cicalè

Fonti
Extra

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

Memorie in cammino
Right Menu Icon