memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Persone

Home Page   >    Persone    >    Bruno Bonomelli
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Bruno Bonomelli
Nato a Rovato (BS)

il   01/01/1910

Bruno Bonomelli nasce a Rovato, in provincia di Brescia, nel 1910 da Silvio e Dina Sabotti.
Come il fratello Paride (classe 1915), è trattenuto alle armi per diversi anni e quindi impossibilitato ad aiutare il padre nel suo lavoro di stagionatore-commerciante di formaggi.
Alla data dell’Armistizio (8 settembre 1943) i due fratelli sono ancora alle armi. Bruno, che era stato precedentemente a combattere in Africa Orientale nella cosiddetta “conquista dell’Impero”, è ufficiale di un battaglione territoriale di guardia ad alcune polveriere sul lago di Garda.
Sfuggito alla cattura da parte dei tedeschi, riesce a raggiungere il padre nella casa di Iseo, dove si trova anche sua moglie, Rosetta Nulli, con il piccolo Ennio di tre anni.
Insieme al fratello Paride, anche lui riuscito a tornare a casa, decide di attraversare le linee tedesche ed unirsi alle prime avanguardie anglo-americane a Bari, aggregandosi al neonato 68° Reggimento Fanteria, divisione “Legnano”.
Entrato però in contatto con i servizi segreti della 9^ Armata Britannica, viene da questi arruolato, addestrato e preparato per la missione “Virtus” in territorio italiano occupato dai nazifascisti.
Paracadutato a Genova insieme a due tecnici radiotelegrafisti, monta una base operativa con una radio trasmittente.
Successivamente scoperti dai tedeschi, Bruno e Paride vengono catturati ai primi del luglio 1944 e tradotti nel carcere della Gestapo a Verona, da dove riescono ad evadere.
Questo provoca una violenta reazione dei nazifascisti che uccidono brutalmente il padre Silvio ad Iseo, località Pu, il 17 luglio 1944 e arrestano la madre Dina, la moglie Rosetta e il piccolo Ennio, per deportarli nel campo di concentramento di Gries, a Bolzano.
I familiari dei fratelli Bonomelli riusciranno a rientrare solo dopo la Liberazione.
Alla fine della guerra Bruno Bonomelli diventa corrispondente sportivo per il quotidiano L’Unità e si interessa soprattutto di atletica leggera, della quale è appassionato conoscitore.

Bibliografia e approfondimenti:

  • Iseo nella Resistenza. 1945-2005 Sessant’anni di libertà, a cura di Luciano Pajola, Queriniana, Brescia 2005;
  • Rolando Anni, Dizionario della Resistenza bresciana, 2 voll., Editrice Morcelliana, Brescia 2008.

Fonti
Le fonti correlate a:
Bruno Bonomelli

Fonti
Extra

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

Memorie in cammino
Right Menu Icon