memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1100 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1100 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1100 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Persone

Home Page   >    Persone    >    Donne    >    Angela Maria Guidi Cingolani
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Angela Maria Guidi Cingolani
Nata a Roma (RO)

il   31/10/1896

Morta a Roma (RO)

il   11/07/1991

Angela Maria Guidi Cingolani nasce a Roma il 31 ottobre del 1896.
Laureatasi presso l’Università Orientale di Napoli in lingue e letterature slave, partecipa fin da giovane all’attività del movimento cattolico, collaborando tra l’altro con giornali quali L’Avvenire d’ItaliaIl Corriere d’Italia, il settimanale L’Ago e la rivista Il Solco.
Nel 1919 aderisce al Partito Popolare fondato da don Sturzo, e assume la segreteria del gruppo femminile romano fino allo scioglimento del partito nel 1926. La sua è la prima tessera femminile del PPI.
Nel 1921 fonda il Comitato Nazionale per il lavoro e la cooperazione femminile. Nel 1922 il Ministero dell’Industria e del Commercio la nomina membro del Comitato delle piccole industrie e dell’artigianato.
Nel 1935 sposa Mario Cingolani, esponente dell’Azione Cattolica, poi membro dell’Assemblea Costituente nel 1946 e nel 1948 presidente del comitato direttivo del gruppo dei senatori della Democrazia Cristiana.
Angela Guidi Cingolani partecipa alla lotta clandestina nelle file della DC, incaricata della organizzazione del movimento femminile del partito. Organizza aiuti per i fuggiaschi e perseguitati, ospita in casa sua, per adunanze clandestine, il Comitato di Liberazione Nazionale.
Nel 1946 viene eletta all’Assemblea Costituente e diventa deputato nella prima legislatura repubblicana.
Nel 1951 De Gasperi decide di affidarle la carica di sottosegretario per l’artigianato al Ministero dell’Industria e del Commercio. È la prima donna che entra a far parte di un governo nella storia d’Italia.
Muore a Roma nel 1991.

Bibliografia e approfondimenti:
– Maria Teresa Antonia Morelli (a cura di), Le donne della Costituente, Collana Fondazione della Camera dei Deputati, Editori Laterza, Roma-Bari 2007;
– Patrizia Gabrielli, Il 1946, le donne, la Repubblica, Donzelli Editore, Roma 2009.


Fonti
Extra

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

Memorie in cammino
Right Menu Icon