memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Parole Chiave

Home Page   >    Parole Chiave    >    Fasci Italiani di Combattimento
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Fasci Italiani di Combattimento

I Fasci Italiani di Combattimento furono delle formazioni politiche costituite il 23 marzo 1919, in piazza San Sepolcro a Milano, su iniziativa di Benito Mussolini, come continuazione dei Fasci di azione rivoluzionaria fondati dallo stesso Mussolini nel 1915 a sostegno dell'intervento in guerra.

I Fasci italiani di combattimento non raggiunsero un gran numero di adesioni e, almeno per tutto il 1919, l'iscrizione coincise spesso con l'attività di squadrista.

Il programma rivendicava un socialismo nazionalistico, basato sul suffragio universale, integrato dalla rappresentanza diretta dei singoli interessi economici (corporativismo), con la costituzione dei Consigli di categoria. Si sciolsero alla nascita del Partito Nazionale Fascista.

Bibliografia e approfondimenti:

  • Dizionario di storia, Bruno Mondadori Ed., Milano 1995;
  • G. Sabbatucci, V. Vidotto (a cura di), Storia d'Italia. 4.Guerre e Fascismo, Editori Laterza, Roma-Bari 1998;
  • Pierre Milza, Serge Berstein, Nicola Tranfaglia, Brunello Mantelli, Dizionario dei fascismi. Personaggi, partiti, culture e istituzioni in Europa dalla Grande Guerra ad oggi, Bompiani, Milano 2002.

Approfondimenti al femminile

Fondati dopo la Prima Guerra Mondiale da Elisa Majer Rizzioli, i Fasci Femminili nacquero con l’obiettivo di svolgere una funzione propulsiva nella “rivoluzione fascista”: alle donne era affidato un ruolo di combattenti in senso ampio, di “appoggio morale” al Fascismo, di “propaganda spicciola”, di “iniziativa individuale”. Tuttavia, l’azione dei Fasci Femminili non ebbe un grande rilievo, anche perché non trovò appoggio adeguato nello squadrismo, caratterizzato da una cultura politicamente maschile.

Successivamente, con l’organizzazione sistematica della dittatura, il processo di fascistizzazione delle masse (fondato sulla politica demografica) avviò una più definita fissazione del ruolo della donna nella società. I Fasci Femminili si trasformarono in gruppi costituiti da donne italiane di sicura fede fascista e buona condotta morale che avessero compiuto 22 anni di età e alle quali era affidato il compito di fiancheggiare l’opera delle federazioni provinciali del PNF, principalmente con l’attuazione di opere assistenziali.

Bibliografia e approfondimenti:

  • Fascismo e identità di genere, in Francesco Maria Feltri, Maria Manuela Bertazzoni, Franca Neri, Chiaroscuro, Sei Editrice 2010;
  • Pierre Milza, Serge Berstein, Nicola Tranfaglia, Brunello Mantelli, Dizionario dei fascismi. Personaggi, partiti, culture e istituzioni in Europa dalla Grande Guerra a oggi, Bompiani, Milano 2005;
  • Helga Dittrich-Johansen, Le militi dell’idea: storia delle organizzazioni femminili del Partito Nazionale Fascista, Fondo Studio Parini-Chirio, Olschki, Firenze 2002;
  • Perry R. Willson, Contadine e politica nel ventennio. La sezione Massaie Rurali dei Fasci Femminili, in “Italia Contemporanea”, 2000, n.218, pp. 31-47;
  • Victoria De Grazia, Le donne nel regime fascista, Marsilio, Venezia 1993.

Fasci Italiani di Combattimento – Per saperne di più…Approfondimenti al femminile


Fonti
Le fonti correlate a:
Fasci Italiani di Combattimento

Fonti
Extra
I documenti correlati a:
Fasci Italiani di Combattimento

Extra

Parole correlate:

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

Memorie in cammino
Right Menu Icon