memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Luoghi

Home Page   >    Luoghi    >    Trapani (TP)
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Trapani (TP)

Comune italiano di poco più di 70.000 abitanti e capoluogo dell'omonima provincia in Sicilia, Trapani è situato sulla costa nord-occidentale e sorge in parte su una lingua di terra protesa nel mare verso la più settentrionale delle isole dell'arcipelago delle Egadi, l'isola di Levanzo. Per la sua posizione è conosciuta come Città tra due mari; mentre per la fiorente attività economica legata all'estrazione e al commercio del sale, Trapani è anche denominata Città del Sale e della Vela. Pesca, estrazione ed esportazione del marmo, turismo sono le altre attività che caratterizzano la vita di questo centro commerciale, tra l'altro dotato di un porto importante soprattutto per le comunicazioni (motonavi e aliscafi) con le isole Egadi, Tunisi, Palermo, Cagliari, Genova, Pantelleria e le Pelagie. Una delle prime città a ribellarsi nel 1848 al governo borbonico, Trapani diede il suo contributo all'Unità d'Italia e per questo è stata anche decorata con la Medaglia d'Oro come Benemerita del Risorgimento Nazionale. Dopo la Prima Guerra Mondiale - durante la quale ebbe circa 700 morti - la città visse un periodo di sviluppo: le industrie legate alle saline, alle tonnare, al vino, all'olio fecero di Trapani una città particolarmente dinamica non solo dal punto di vista economico, ma anche culturale. Nel 1924 Mussolini, dopo una visita sul posto, decise di inviare a Trapani il prefetto Cesare Mori che, dopo poco più di un anno, fu trasferito a Palermo con poteri straordinari per la repressione del fenomeno mafioso. Nel corso della Seconda Guerra Mondiale, Trapani divenne porto e base sommergibilista di primaria importanza e, con i locali aeroporti di Milo e di Chinisia, punto di collegamento dei rifornimenti per le truppe dell'Asse in Nord Africa. Fu bombardata dai francesi il 22 giugno 1940, dalla RAF inglese il 10 novembre 1941 e il 31 maggio 1942, e subì 28 bombardamenti degli angloamericani da gennaio a luglio 1943, con la conseguente distruzione dell'intero quartiere di San Pietro, il più antico della città, e del Teatro Garibaldi, costruito nel 1849. In definitiva, oltre il 70% degli edifici in città fu colpito e in parte distrutto; mentre oltre 80.000 furono i vani resi inservibili nella provincia. Per il numero di incursioni aeree subite, Trapani si colloca al nono posto dei capoluoghi di provincia italiani più bombardati. Il 22 luglio 1943 le truppe alleate del Generale Patton giunsero nella piazza di Trapani trovando la popolazione in drammatiche condizioni di vita. Il difficile periodo della ricostruzione portò comunque la città ad una ripresa delle attività industriali e commerciali, soprattutto tra il 1950 e il 1965. Per le numerose vittime subite nel corso dei bombardamenti degli Alleati durante la Seconda Guerra Mondiale, il 31 dicembre 1961 Trapani è stata insignita dall'allora Presidente della Repubblica, Antonio Segni, della Medaglia d'Oro al Valor Civile con la seguente morivazione: "Oggetto di continui bombardamenti, resisteva impavida alla furia nemica, offrendo alla Patria l'olocausto di seimila dei suoi figli migliori. 1940-1945"Bibliografia e approfondimenti:

  • Salvatore Costanza, Trapani tra le due guerre, Di Girolamo Ed., Trapani 2006;
  • Vito Orlando, Il movimento fascista trapanese 1919-1925, Ed. Avanguardia, Trapani 1989;
  • per ulteriori informazioni si rimanda al sito ufficiale del Comune di Trapani.

Fonti
Soci

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

Memorie in cammino
Right Menu Icon