memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Luoghi

Home Page   >    Luoghi    >    Pontremoli (MS)
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Pontremoli (MS)

Comune toscano in provincia di Massa Carrara, Pontremoli è il centro più settentrionale della regione Toscana  e sorge nell'alta vallata del fiume Magra, alla confluenza con il torrente Verde e all'estremità nord della regione storica conosciuta come Lunigiana. Pontremoli si trova in una conca circondata da alti rilievi collinari, ed è ubicato su uno dei più antichi percorsi che collegano la Val Padana con la Liguria e la Toscana, un tempo percorso dalla Via Francigena e ancora oggi tracciato da importanti infrastrutture viarie e ferroviarie. Durante la Seconda Guerra Mondiale la Lunigiana era attraversata dalla Linea Gotica, la linea di demarcazione del fronte che separava i territori occupati dai nazifascisti da quelli già liberati dagli Alleati, e divenne, proprio per la sua ubicazione, uno dei più importanti terreni d'azione delle formazioni partigiane. Fu teatro di numerosissimi scontri delle locali brigate partigiane con i reparti della Wehrmacht, della Guardia Nazionale Repubblicana e della Brigata Nera, e fu oggetto di numerose rappresaglie nazifasciste che colpirono con terribili eccidi la popolazione civile. A testimonianza dell'impegno di questo territorio nella lotta di Liberazione, sia la la provincia di La Spezia che quella di Massa-Carrara sono state decorate di Medaglia d'Oro al Valor Militare per la Resistenza. Come contributo alla guerra di Liberazione, Pontremoli diede 630 partigiani combattenti sul territorio nazionale, 28 dei quali caduti, e quasi un centinaio di vittime civili. Subito dopo l'8 settembre il paese divenne infatti centro di un'attività partigiana di eccezionale importanza: la Brigata 2^ "Julia", la 3^ "Beretta", la IV Zona Operativa e la 12^ Garibaldi "Fermo Ognibene" furono le principali unità in cui confluirono vecchi e giovani antifascisti pontremolesi. Per la sua posizione geografica strategicamente importante, Pontremoli venne occupata dalle forze tedesche fin dal primo pomeriggio del 12 settembre 1943 e, nel corso degli ultimi due anni di guerra, fu oggetto di numerosi bombardamenti alleati: dal maggio 1944 all'aprile 1945 si contarono 99 incursioni aeree che provocarono danni alle abitazioni e la morte di molti civili. Pontremoli poté dirsi finalmente libera il 27 aprile 1945, quando, all'alba, le formazioni partigiane della Brigata "Beretta" - Divisione "Cisa", grazie alla collaborazione della V Armata alleata e della popolazione, entrarono nella città ormai abbandonata dai tedeschi.

Bibliografia e approfondimenti:


Fonti
Le fonti correlate a:
Pontremoli (MS)

Fonti
Soci

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

Memorie in cammino
Right Menu Icon