memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Luoghi

Home Page   >    Luoghi    >    Mülheim an der Ruhr (GERMANIA)
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Mülheim an der Ruhr (GERMANIA)

Città della Germania, nella regione della Renania Settentrionale-Vestfalia, Mülheim an der Ruhr si trova tra Essen e Duisburg, a 50 m sul fiume Ruhr. Situata nel settore occidentale del bacino carbonifero della Ruhr, è un attivo porto fluviale con industrie. Mülheim è stata la prima città della zona a privarsi di tutte le miniere di carbone, avviando negli anni '60 una lunga e difficile conversione strutturale dell'economia. Come in altre città della regione della Ruhr, nel periodo dell'ascesa di Hitler anche a Mülheim il Partito Nazionalsocialista dei Lavoratori Tedeschi (NSDAP) era il più forte e sostenuto dalla popolazione, tanto che nelle ultime elezioni parlamentari libere del 6 novembre 1932 ottenne il 28,3% dei voti e la città festeggiò la nomina di Hitler a Cancelliere con una fiaccolata. A partire da metà febbraio del 1933, soprattutto nel quartiere di Dümpten, ebbero inizio i primi arresti contro sospetti comunisti. Successivamente, il 30 settembre 1938 il Consiglio della città decise di espropriare buona parte degli edifici della comunità ebraica di Mülheim e la sinagoga di Viktoriaplatz fu venduta per soli 56.000 Reichsmark ad una banca tedesca. Poche settimane dopo, nella Notte dei Cristalli del 9 novembre, la casa di culto ebraica fu bruciata. I vigili del fuoco della città entrarono in azione non per spegnere l'incendio, ma solo per evitare la propagazione delle fiamme alle strutture vicine. Nel giugno 1941 fu aperto presso l'aeroporto di Essen-Mülheim un campo di lavoro nazista, gestito dalla Gestapo di Colonia. Si stima che nel marzo del 1945 ci fossero nel campo tra i 6.000 e gli 8.000 prigionieri. Durante la Seconda Guerra Mondiale, in particolare nel 1943 e nel 1944, la città di Mülheim fu più volte oggetto di attacchi aerei britannici. Il più pesante fu nella notte tra il 22 e il 23 giugno 1943: l'incursione, avvenuta in tre ondate successive, causò 530 morti tra la popolazione civile e danneggiò o distrusse il 64% degli edifici della città. Gli obiettivi principali furono il centro di Mülheim, le linee ferroviarie, le stazioni della metropolitana, il porto e le industrie di forniture della Wehrmacht. Altri attacchi aerei si verificarono nel novembre e nel dicembre del 1944. L'11 aprile 1945 la 17^ Divisione aviotrasportata dell'esercito statunitense entrò in città dopo alcuni scontri con il 183° Reggimento granatieri tedesco che aveva opposto un'ultima breve resistenza. Pochi mesi dopo la liberazione la città di Mülheim passò sotto il controllo delle forze di occupazione britanniche.


Fonti
Soci

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

Memorie in cammino
Right Menu Icon