memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Luoghi

Home Page   >    Luoghi    >    Masone (GE)
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Masone (GE)

Comune italiano della provincia di Genova, in Liguria, Masone è il centro più importante della Valle Stura, distante circa 35 chilometri a nord-ovest dal capoluogo regionale. Il territorio comunale fa parte del Parco Naturale Regionale della Beigua e comprende, oltre al capoluogo, la frazione di San Pietro e le località di Cappelletta, Val Masone e Val Vezzulla. Il centro urbano è diviso in due nuclei: quello storico, o "Paese Vecchio", posto sul versante sinistro della vallata; e quello di fondovalle, detto "Paese Nuovo" o "Piana", alla destra orografica del torrente Stura. Paese di origine industriale, oggi a Masone è molto attivo anche il turismo, soprattutto di villeggiatura. In questa zona, tra i comuni di Lerma, Campoligure, Masone, Pontedecimo e Busalla, dopo l'Armistizio dell'8 settembre 1943, operò la 3^ Brigata Garibaldi "Liguria" i cui componenti furono coinvolti nella prima metà dell'aprile 1944 nella strage nazifascista della Benedicta. Circa un mese dopo, il 19 maggio 1944, poco distante da Cappelletta di Masone, le SS tedesche compirono un eccidio di prigionieri politici italiani in località Fontanafredda, nelle vicinanze del Passo del Turchino. 59 furono i civili vittime di quella che si rivelò essere una rappresaglia tedesca per l'attentato gappista del 15 maggio al cinema Odeon di Genova nel quale erano morti 4 marinai tedeschi e ne erano stati feriti altri sedici. Sul luogo della strage, lungo la Strada Provinciale SP 73 del Passo del Faiallo, è stato costruito un monumento commemorativo conosciuto come "Sacrario dei Martiri del Turchino". La cittadina di Masone, insieme a quella di Rossiglione, fu liberata nella notte tra il 23 e il 24 aprile 1945 quando le SAP occuparono le stazioni ferroviarie di Sestri, Cornigliano, Pegli, Pra' e Cogoleto e conquistarono i presidi delle maggiori fabbriche dell'area.Bibliografia e approfondimenti:

  • Enzo Collotti, Renato Sandri, Frediano Sessi (a cura di), Dizionario della Resistenza, 2 voll., G. Einaudi Editore, Torino 2001;
  • Pier Paolo Rivello, Quale giustizia per i crimini nazisti? L'eccidio della Benedicta e la strage del Turchino tra storia e diritto, Giappichelli Editore, Torino 2002;
  • Renzo Baccino, L'eccidio del Turchino. 19 maggio 1944, Industrie Grafiche Editoriali - Fratelli Pagano, Campomorone (GE);
  • sito web ufficiale del Comune di Masone (GE).

Fonti
Soci

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

Memorie in cammino
Right Menu Icon