memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Luoghi

Home Page   >    Luoghi    >    Lonato del Garda (BS)
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Lonato del Garda (BS)

Comune lombardo in provincia di Brescia, Lonato del Garda è una cittadina industriale e agricola, situata sulle prime alture dell'anfiteatro morenico a dominio della sponda sud-occidentale del lago di Garda. Si trova su importanti collegamenti stradali e ferroviari. A Lonato si costituì il primo Fascio della provincia il 2 maggio 1920, uno dei pochi ad essere rappresentato al 2° Congresso dei Fasci a Milano il 23 maggio. Il 20 agosto 1920 si costituì il suo direttorio. Non mancarono scontri con socialisti, soprattutto a Desenzano, e spedizioni punitive a Calcinato, a Sirmione e a Lonato stesso: particolarmente grave fu quella del 1° maggio 1922. Presto si organizzarono due squadre d'azione, "La più disperata" e la "Luigi Schena" presenti a Bagnolo Mella, Gardone V.T., Trento e Brescia. Da 15 nel 1922, i fascisti organizzati divennero un centinaio nel 1925. Non mancarono violenze fasciste specialmente nel 1922 e nel 1923. Il 23 dicembre 1922 fascisti e socialisti si scambiarono bastonate e calci; nel maggio 1923 tornarono ancora a scontrarsi; colluttazioni ebbero luogo il 23 luglio dello stesso anno. Seguirono anni di amministrazione in cui furono risolti problemi di acquedotti e di scuole: nel 1934 si inaugurarono le scuole rurali di Bettola e Campagna e nel 1938 l'edificio scolastico del centro, al quale seguì quello di Maguzzano. La Seconda Guerra Mondiale lasciò segni visibili anche negli edifici pubblici. Per la sua vicinanza al lago di Garda, Lonato visse le vicende che interessarono quella regione, in particolare dopo il 1943. In seguito alla nascita della Repubblica Sociale Italiana, infatti, il comando tedesco si insediò a Limone e, il 10 ottobre, quello di Benito Mussolini a Gargnano, località dove erano di pattuglia 530 SS; a Desenzano ebbe sede il Ministero della Difesa; a Salò si stabilirono il Ministero degli Esteri, il Ministero della Cultura Popolare e le agenzie di stampa; Fasano fu sede dell'ambasciata tedesca e Gardone di quella giapponese, mentre a Maderno trovò sistemazione il Ministero degli Interni e il Partito Fascista Repubblicano. Un primo bombardamento pesante colpì il viadotto ferroviario di Desenzano del Garda il 22 luglio 1944, mentre furono mitragliati da aerei l'ufficio postale di Torri del Benaco e le postazioni contraeree di Malcesine. Successivamente furono compiuti bombardamenti ripetuti su alcuni centri abitati della sponda veronese. Nel 1945 i cieli sopra il Garda furono teatro degli ultimi combattimenti tra caccia angloamericani e italo-tedeschi.

Bibliografia e approfondimenti:


Fonti
Le fonti correlate a:
Lonato del Garda (BS)

Fonti
Soci

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

Memorie in cammino
Right Menu Icon