memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 879 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Luoghi

Home Page   >    Luoghi    >    Garda (VR)
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Garda (VR)

Comune italiano della provincia di Verona, Garda è un centro posto sulla sponda orientale del lago di Garda, in un'ampia insenatura chiusa a ovest dalla punta di San Virgilio, e dista 32 chilometri dal capoluogo provinciale. Molto sviluppato è il turismo, in particolare presso la punta San Virgilio, dotata di porticciolo e di spiaggia. Fino al 1943 i fatti della Seconda Guerra Mondiale non interessarono particolarmente i territori intorno al lago di Garda, ma con la nascita della Repubblica Sociale Italiana alla fine del settembre 1943, il comando tedesco si insediò a Limone e, il 10 ottobre, quello di Benito Mussolini a Gargnano, località dove erano di pattuglia 530 SS. Da quel momento i paesi affacciati sul lago di Garda divennero le sedi dei Ministeri del nuovo governo: a Desenzano c'era il Ministero della Difesa; a Salò si stabilirono il Ministero degli Esteri, il Ministero della Cultura Popolare e le agenzie di stampa; Fasano fu sede dell'ambasciata tedesca e Gardone di quella giapponese; a Maderno trovò collocazione il Ministero degli Interni e il Partito Fascista Repubblicano. La parte trentina del lago venne invece occupata dalla Wehrmacht. Con il 1944 il lago di Garda e le zone limitrofe divennero obiettivo militare dei bombardamenti alleati: il primo attacco pesante colpì il viadotto ferroviario di Desenzano del Garda il 22 luglio 1944, mentre furono mitragliati da aerei l'ufficio postale di Torri del Benaco e le postazioni contraeree di Malcesine. Successivamente alcuni centri abitati della sponda veronese furono colpiti ripetutamente dai bombardamenti. Nel 1945 i cieli sopra il lago di Garda furono teatro degli ultimi combattimenti tra i caccia anglo-americani e quelli italo-tedeschi. Mussolini lasciò Gargnano per trasferirsi a Milano il 18 aprile 1945.Bibliografia e approfondimenti:

  • Giorgio Bocca, La Repubblica di Mussolini, Laterza Editori, Roma-Bari 1977;
  • Enzo Collotti, Renato Sandri, Frediano Sessi (a cura di), Dizionario della Resistenza, 2 voll., Giulio Einaudi Editore, Torino 2001;
  • sito web ufficiale del Comune di Garda (VR) e portale della Comunità del Garda, Ente Territoriale Interregionale.

Fonti
Soci

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

Memorie in cammino
Right Menu Icon