memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Luoghi

Home Page   >    Luoghi    >    Donec’k (UCRAINA)
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Donec’k (UCRAINA)

Donec'k (o Donets'k) è una città dell'Ucraina centrale e sorge sul fiume Kalmius. È il centro economico e culturale più importante della regione del Bacino del Donec, di cui è capoluogo dal 1932. Si trova nel tipico paesaggio ucraino della steppa ed è circondata da boschi, colline, laghi e fiumi. La periferia a nord della città è dedita all'agricoltura. Il mare di Azov si trova a 95 chilometri a sud del centro abitato. La città fu fondata nel 1869, con il nome di Juzovka, da un uomo d'affari gallese, John Hughes, che costruì uno stabilimento di acciaio e alcune miniere di carbone, che resero possibile un forte sviluppo industriale del territorio. Nel 1924, all'epoca dei cambiamenti di denominazione voluti dall'Unione Sovietica, la città prese il nome di Stalino: non in onore di Josif Stalin - come si è sempre creduto -, ma per la grande produzione di acciaio - in russo, appunto, stal. Nel corso della Seconda Guerra Mondiale l'occupazione del Bacino del Donec fu uno dei principali obiettivi della grande offensiva germanica nella Russia meridionale (all'interno dell'Operazione Barbarossa - invasione della Russia). Tra l'11 ottobre e il 20 novembre 1941 i tedeschi, con il concorso delle forze italiane e romene, occuparono tutto il bacino: il 20 ottobre le truppe italiane entrarono a Stalino. Per la sua posizione geografica e per la ricchezza delle risorse (acciaio e carbone), la città fu controllata direttamente dall'esercito tedesco, e non dalle amministrazioni locali: impianti e fabbriche furono spostati lontano dalla linea del fronte e fu aperto un campo di concentramento in cui furono uccise circa 90.000 persone tra ebrei e civili. Nei quasi due anni di occupazione nazista la città fu quasi completamente distrutta e la popolazione più che dimezzata: basti pensare che nel 1941 Stalino contava circa 507.000 abitanti; alla fine della guerra, erano solo 175.000. Stalino fu liberata l'8 settembre 1943, data in cui oggi si celebra la Liberazione del Bacino del Donec. Nel novembre 1961, nell'ambito della politica di destalinizzazione perseguita da Nikita Khruscëv, la città cambiò definitivamente la sua denominazione in Donec'k, in onore del fiume Donec, affluente del Don.Bibliografia e approfondimenti:


Fonti
Soci

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

Memorie in cammino
Right Menu Icon