memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Luoghi

Home Page   >    Luoghi    >    Chiaravalle (AN)
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Chiaravalle (AN)

Comune marchigiano in provincia di Ancona, Chiaravalle si estende su un territorio prevalentemente pianeggiante, attraversato dal fiume Esino e dai torrenti Triponzio e Guardengo. La sua origine è strettamente legata all'abbazia cistercense di Santa Maria in Castagnola, mentre il suo sviluppo si deve alla Manifattura Tabacchi, centro propulsore dell'attività industriale del territorio e vera fonte di ricchezza per i residenti a partire dalla seconda metà del XVIII secolo. Chiaravalle è stata insignita della Medaglia di Bronzo al Valor Civile per i fatti avvenuti nel corso della Seconda Guerra Mondiale. La motivazione dell'onorificenza ne dà spiegazione: "Piccolo centro di circa 7.000 abitanti, durante l'ultimo conflitto mondiale, fu sottoposto ad un violentissimo bombardamento che procurò 180 vittime civili, numerosi feriti e la quasi totale distruzione dell'abitato, delle infrastrutture e del patrimonio industriale. La popolazione seppe reagire, con coraggio e altissima dignità morale, agli orrori e alle violenze della guerra, affrontando col ritorno alla pace la difficile opera di rinascita morale e materiale del paese. Chiaravalle (AN), 17 gennaio 1944" Il bombardamento di Chiaravalle del 17 gennaio 1944 fu infatti uno dei più inaspettati e distruttivi tra quelli che si verificarono nella zona, causò numerose vittime per la coincidenza della fiera in onore del patrono, Sant'Antonio: quel giorno la cittadina pullulava di gente venuta da tutti i paesi e dalle campagne circostanti per la consegna del tabacco alla manifattura. Chiaravalle fu bombardata dagli Alleati con l'intenzione di interrompere la linea ferroviaria con cui i tedeschi dirigevano a sud i carichi di merci ed armi. Attorno alle 14:10 furono sganciate sul paese, da parte di 12 velivoli, circa 18 bombe provocando la morte di 180 persone e il ferimento di altre 100; più di 2.000 persone rimasero senza tetto e furono devastati fabbricati civili e pubblici, tra i quali l'ospedale, l'acquedotto, il mattatoio, la scuola, e anche la Manifattura Tabacchi. La città di Chiaravalle fu liberata il 18 luglio 1944, a poche ore di distanza dalla liberazione di Ancona.

Bibliografia e approfondimenti:

  • Anpi Marche, Istituto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione nelle Marche, I luoghi della memoria. Itinerari della Resistenza marchigiana (a cura di Luisella Pasquini e Nazareno Re), Il lavoro editoriale, Ancona 2007;
  • Ruggero Giacomini, Ribelli e partigiani. La Resistenza nelle Marche 1943-1944, Affinità elettive, Ancona 2005;
  • Sergio Sparapani (a cura di), La guerra nelle Marche 1943-1944, Il lavoro editoriale, Ancona 2005;
  • sito istituzionale del Comune di Chiaravalle.

Fonti
Soci
I soci correlati a:
Chiaravalle (AN)

Soci

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

Memorie in cammino
Right Menu Icon