memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Luoghi

Home Page   >    Luoghi    >    Cerveteri (RM)
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Cerveteri (RM)

Comune italiano in provincia di Roma, Cerveteri è un'antica città del Lazio che risale all'epoca etrusco-romana. Si affaccia sul Mar Tirreno e dista 42 km da Roma in direzione nord-ovest. Centro agricolo, solo nel XX secolo questa località si è ridimensionata come centro turistico e archeologico. Da Cerveteri, infatti, si accede alla Necropoli etrusca del Sorbo e alla Necropoli etrusca della Banditaccia, una delle necropoli più monumentali del Mar Mediterraneo, dichiarata nel 2004 dall'UNESCO, insieme a quella di Tarquinia, Patrimonio Mondiale dell'Umanità. Durante la Seconda Guerra Mondiale erano operativi nel territorio comunale due aeroporti militari, o meglio campi di aviazione: l'aeroporto di Cerveteri e l'aeroporto di Furbara, sito in una frazione della città. Proprio quest'ultimo fu sede di reparti di Fiat CR. 32 e di CR. 42 e squadroni di Stukas e Junker 87J della Luftwaffe tedesca, schierati a protezione dei cieli di Roma. Con l'evolversi della Campagna d'Italia, questi due aeroporti furono presi in considerazione dagli Alleati come possibili basi da utilizzare per l'offensiva su Roma. Infatti, a partire dal luglio del 1943 sino al novembre dello stesso anno, gli anglo-americani sferrarono pesantissimi attacchi aeronavali. Tali azioni portarono tutte le infrastrutture di Furbara ad essere letteralmente rase al suolo; si salvò soltanto la torre all'ingresso, struttura architettonica caratteristica del periodo. Il 7 settembre 1943 ufficiali americani giunsero segretamente a Roma per organizzare un lancio di paracadutisti americani (Operazione Giant 2) a Cerveteri e Furbara per intervenire in soccorso degli italiani in occasione dell'annuncio ufficiale dell'Armistizio e difendere così Roma dai tedeschi. Questi aeroporti avrebbero dovuto essere occupati e tenuti dalle truppe italiane poste a difesa della capitale, tra cui il Corpo di Armata Motocorazzato e le divisioni di fanteria "Granatieri di Sardegna" e "Sassari". L'operazione fallì prima di nascere a causa dell'impossibilità di liberare gli aeroporti dai presidi tedeschi e dal collasso dello Stato italiano. E' da ricordare, inoltre, che sul sito di Furbara, che era anche poligono di tiro aereo, nel maggio 1938 Mussolini dimostrò l'efficienza dei velivoli italiani ad Hitler, venuto in Italia insieme ai suoi gerarchi per assistere ad alcune esercitazioni: per la Marina tali dimostrazioni avvennero a Napoli, mentre per l'Aeronautica a Furbara.Bibliografia e approfondimenti:


Fonti
Le fonti correlate a:
Cerveteri (RM)

Fonti
Soci

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

Memorie in cammino
Right Menu Icon