memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Luoghi

Home Page   >    Luoghi    >    Caltanissetta (CL)
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Caltanissetta (CL)

Comune italiano e capoluogo della provincia omonima in Sicilia, Caltanissetta è situata nel cuore dell'isola, nell'alto bacino del fiume Salso. L'abitato si estende ai piedi del Monte San Giuliano, uno dei tre colli che, insieme al Sant'Anna e a Poggio Sant'Elia, formano una conca entro la quale si sviluppa parte del centro storico e tutta la zona meridionale della città. La Provincia di Caltanissetta è uno dei pochi casi in Italia ad avere un Comune della sua amministrazione staccato dal suo territorio geografico, un'exclave: si tratta di Resuttano che si trova tutto circondato dal territorio della Provincia di Palermo. Durante la Seconda Guerra Mondiale, nel quadro dello sbarco degli Alleati in Sicilia, Caltanissetta subì numerosi bombardamenti tra il 7 e il 17 luglio 1943. Già in precedenza la zona era stata fatta oggetto di incursioni alleate in quanto si riteneva che la città ospitasse il Comando Militare della VI Armata del Generale Alfredo Guzzoni con i suoi 230.000 uomini, che invece era dispiegato ad Enna. La notte del 17-18 giugno 1943 ci fu un mitragliamento aereo e, alla fine dello stesso mese, una colonna tedesca venne mitragliata nelle vicinanze del ponte di Capodarso. Tra il 9 e il 13 luglio si susseguirono tre pesanti bombardamenti da parte delle forze aeree anglo-americane: il primo e più devastante avvenne alle 17:30 di venerdì 9 luglio ad opera di 81 aerei divisi in tre formazioni di 27 velivoli. Le vittime furono circa 300; i danni al patrimonio architettonico enormi: nella Cattedrale crollò parzialmente la volta della navata centrale, affrescata dal pittore fiammingo Guglielmo Borremans; della Chiesa di San Sebastiano restò in piedi la sola facciata; la Chiesa di Santa Lucia fu interamente distrutta, così come la Chiesa di San Giovanni. Furono danneggiati anche un'ala dell'ospedale, il Municipio e parte dell'edificio scolastico di Santa Lucia. Il 18 luglio 1943 Caltanissetta fu occupata dalle truppe della 45^ Divisione americana, la stessa divisione che nell'aprile 1945 libererà il lager di Dachau, vicino Monaco in Germania.

Bibliografia e approfondimenti:


Fonti
Soci

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

Memorie in cammino
Right Menu Icon