memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
memorieincammino.it
Testimonianze, documenti, immagini di un'Italia in trasformazione (1922-1945)
Sono presenti 1175 fonti
Memorie in cammino è ottimizzato per una visualizzazine in verticale.
Ti invitiamo a ruotare il dispositivo.

Eventi

Home Page   >    Eventi    >    1943    >    Armistizio – 8 Settembre 1943
Search
Generic filters
Filtra i risultati:

Armistizio – 8 Settembre 1943
dal   03/09/1943

al   08/09/1943

L'Armistizio di Cassibile o "armistizio corto", siglato segretamente il 3 settembre 1943 presso Siracusa, fu l'atto con il quale il Regno d'Italia cessò le ostilità contro le Forze Alleate nell'ambito della Seconda Guerra Mondiale.

Firmato dai generali Giuseppe Castellano per l'Italia e Walter Bedell Smith per le Forze Alleate, sanciva una vera e propria resa senza condizioni dell'Italia. Poiché tale atto stabiliva la sua entrata in vigore dal momento del suo annuncio pubblico, esso è comunemente citato come "8 settembre 1943", data in cui, alle 18.30, fu reso noto prima dai microfoni di Radio Algeri da parte del generale americano Dwight D. Eisenhower e, poco più di un'ora dopo, alle 19.42, confermato dal proclama del maresciallo Pietro Badoglio trasmesso dai microfoni dell'EIAR.

L'armistizio prevedeva che l'Italia cessasse di collaborare con i tedeschi, interrompesse le ostilità contro le truppe alleate, liberasse tutti i prigionieri di guerra e desse la disponibilità agli Alleati di utilizzare il suo territorio per le operazioni di guerra.

Prive di ordini precisi e di indicazioni operative per l'immediato cambio di fronte, le forze armate italiane si trovarono completamente impreparate per fronteggiare le truppe tedesche stanziate in Italia e sui fronti fino a quel momento comuni di guerra. Per l'esercito italiano, abbandonato dai suoi comandanti supremi e lasciato senza ordini, iniziò lo sbandamento e molti soldati presero la via del partigianato che in questi mesi si andò strutturando. All'estero, invece, migliaia di militari italiani scelsero di resistere ai tedeschi e, nelle varie zone dove fino a qualche giorno prima si trovavano ad operare fianco a fianco, vennero spesso passati per le armi.

Ma la conseguenza più tragica dell'Armistizio fu l'occupazione di quasi tutta l'Italia da parte delle forze armate tedesche: all'indomani dell'8 settembre, la Wehrmacht e le SS presenti in tutta la penisola fecero scattare l'Operazione Achse - secondo i piani predisposti da Hitler sin dal 25 luglio dopo la destituzione di Mussolini -, occupando tutti i centri nevralgici del territorio nell'Italia settentrionale e centrale, fino a Roma, e sbaragliando quasi ovunque l'esercito italiano.

Era l'inizio di quegli ultimi due anni del conflitto in cui la guerra partigiana e la lotta contro i nazifascisti avrebbero dato vita a una nuova idea di patria, legata alle diverse componenti dell'Antifascismo e a singoli segmenti della tradizione risorgimentale.

Bibliografia e approfondimenti:

  • Istituto Alcide Cervi, Ottosettembre 1943. Le storie e le storiografie, a cura di Alberto Melloni, Edizioni Diabasis, Reggio Emilia 2005;
  • Elena Aga Rossi, Una nazione allo sbando. L'Armistizio italiano del settembre 1943 e le sue conseguenze, Il Mulino, Bologna 2003;
  • Enzo Collotti, Renato Sandri, Frediano Sessi (a cura di), Dizionario della Resistenza, 2 voll., G. Einaudi Editore, Torino 2001;
  • G. Sabbatucci, V. Vidotto (a cura di), Storia d'Italia. 4 Guerre e Fascismo, Laterza Ed., Roma-Bari 1998;
  • Mimmo Franzinelli, L'8 settembre, in Mario Isnenghi (a cura di), I luoghi della memoria. Personaggi e date dell'Italia unita, Laterza Ed., Roma-Bari 1997;
  • Dizionario di storia, Bruno Mondadori Editore, Milano 1995.

Fonti
Le fonti correlate a:
Armistizio – 8 Settembre 1943

Fonti
Extra
I documenti correlati a:
Armistizio – 8 Settembre 1943

Extra

Naviga in memorieincammino.it

Tutte le pagine che navigherai le ritroverai in quest'area.

1918
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1919
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1920
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1921
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1922
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1923
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1924
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1925
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1926
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1927
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1928
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1929
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1930
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1931
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1932
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1933
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1934
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1935
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1936
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1937
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1938
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1939
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1940
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1941
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1942
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1943
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1944
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1945
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1946
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1947
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1948
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
1949
GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
Memorie in cammino
Right Menu Icon